Vene Varicose

La metodica, comune alle altre tecniche endovascolari, prevede in anestesia puramente locale,l'incannulamento della vena patologica con un ago, in poche parole una semplice puntura.

Da questo tramite viene inserito all'interno della vena e per tutta la lunghezza necessaria la fibra della radiofrequenza sotto controllo ecografico il che permette di aumentare la sicurezza dell'intervento anche per identificare le eventuali anomalie anatomiche associate.

Posizionata correttamente la fibra RF si esegue l'anestesia ecoguidata intorno alla vena e si inizia la retrazione della fibra per segmenti di circa 7 cm con velocità determinata dalla macchina erogatrice in base a parametri stabiliti volta per volta dal continuo feed-back con la fibra per evitare che la temperatura sviluppata ecceda i 120 gradi centigradi e mantenendo quindi valori di calore stabili e adatti alla metodica.

L'energia termica sviluppata distrugge in maniera irreversibile la parete venosa che nel tempo verrà riassorbita proprio come fosse un banale ematoma.

Evitando lo "strappamento" della vena sono quindi drasticamente ridotti gli ematomi post-operatori e la possibile incidenza di danni ai nervi periferici.

Al termine della procedura viene infilata la calza elastica post-operatoria che si manterrà continuativamente per circa una settimana.

La deambulazione successiva riprende nel giro di una ventina di minuti e generalmente entro 1 o 2 ore si può essere dimessi e andare tranquillamente a casa.

Nei giorni successivi ė consigliato fare una vita attiva con passeggiate potendo svolgere tranquillamente le normali attività quotidiane.

vene varicose trattamento con radiofrequenza

Copyright © Dottor Giorgio Ovidio Bitossi 2016
Studio: corso Ferrucci, 27 - 10138 Torino Tel: 392 981 6933 | Clinica "I Cedri" - Fara Novarese Tel: 0321818111 | Humanitas Mater Domini - Castellanza (VA) Tel. 0331476210
Privacy & Cookie Policy